L’acqua e l’inverno

L'acqua e l'inverno

Data l’importanza dell’acqua nel nostro corpo, è essenziale comprendere come mantenerne l’idratazione.

Proprio come la goccia costante scava la pietra, dobbiamo essere costanti nell’approccio all’idratazione per preservare le nostre energie profonde, soprattutto d’inverno.

Le filosofie orientali ci insegnano che l’acqua è fondamentale per le nostre forze fisiche e spirituali. Allo stesso modo, mantenere il nostro corpo idratato è cruciale per la reazione ai traumi, il recupero dalla malattia e la resistenza quotidiana.

Le riserve di energia dipendono direttamente dal Principio dell’Acqua, che richiama l’importanza di mantenerci idratati. Riflettendo sul simbolismo dell’acqua in varie culture, possiamo associare la purificazione nei riti religiosi al nostro corpo, che richiede idratazione per purificarsi. L’acqua in grandi quantità, paragonata alle profondità della mente umana, ci suggerisce che mantenere una buona idratazione è fondamentale per il benessere mentale. La vita, simile al fluire sereno o tumultuoso dell’acqua, richiede un equilibrio delicato tra dare e ricevere. Affrontando i mari delle difficoltà quotidiane, dobbiamo garantire che le nostre acque interne siano sicure e fluide, simboleggiando così la necessità di un’idratazione costante.

Il lago tranquillo riflette la linea sottile tra reale e irreale, analogamente alle sfide quotidiane distorte dai pensieri ed emozioni. Mantenere l’equilibrio tra dare e ricevere diventa una lezione preziosa dell’acqua, insegnandoci a curare emozioni e sentimenti come parte del dovere verso noi stessi. Nel passaggio a Vescica, Rene e Urina, notiamo l’associazione con l’inverno nella medicina tradizionale cinese. Questi organi, cruciali per la gestione dei liquidi, ci ricordano che in inverno, quando il freddo può aumentare la perdita di liquidi, è ancora più essenziale mantenere un’adeguata idratazione. L’urina, una volta considerata magica, sottolinea l’importanza di trattare l’acqua come risorsa preziosa. Con una storia che comprende rituali religiosi e interessi degli alchimisti, l’urina evidenzia la necessità di utilizzare saggiamente le risorse idriche per il benessere generale. In conclusione, l’acqua, insegnandoci a fluire attraverso la vita e ad adattarci ai cambiamenti, ci ricorda anche l’importanza  di mantenere un delicato equilibrio idrico. È un principio costante, come la goccia che scava la pietra, che richiede una consapevolezza continua dell’idratazione per preservare il nostro benessere fisico e mentale. Per farlo possiamo iniziare la giornata detergendo il corpo in modo delicato idratandolo con oli specifici. Evitare docce e bagni prolungati con acqua troppo calda , preferendo una doccia veloce con acqua tiepida. Dopo il bagno o la doccia, tamponare delicatamente la pelle con un asciugamano morbido per consentire all’umidità di idratare lo strato superiore della pelle.

Nutrire la pelle applicando creme idratanti per viso e corpo preferibilmente a base di ceramidi e acido ialuronico.

In caso di screpolature o fessurazioni utilizzare creme antibiotiche o cicatrizzanti specifiche.

Proteggere la pelle del viso e delle mani con creme solari e indossare guanti.

Umidificare gli ambienti in cui si vive per evitare che l’aria troppo secca a causa del riscaldamento contribuisca alla secchezza della pelle.

Assicurarsi di mantenere il corpo ben idratato bevendo abbondante ACQUA durante il giorno. Mantenere una dieta equilibrata, ricca di frutta, verdura e acidi grassi essenziali omega-3.

Seguendo questi consigli affronterai l’inverno con una pelle radiante e ben curata.

Ricorda sempre quanto sei splendida esattamente come sei !


Scrittrice: Ileana Conti

Ti è piaciuto il post? Condividi!