L’INVECCHIAMENTO BIOCHIMICO

Mi piace sempre ricordare le parole del Dott. A.M. Di Fede di come ha iniziato la sua relazione al Congresso di Milano: “Il processo di invecchiamento inizia dal primo istante della nostra vita e consiste nell’accumulare prodotti acidi di scarto non espulsi.”

In tanti ancora ignorano che i nostri capelli sono il risultato di questi prodotti di scarto che sono trattenuti nel follicolo e nella pelle non gestita in modo corretto.

In questo articolo capiremo che un capello può avere un aspetto invecchiato anche se non hai capelli bianchi, anche se hai 15- 25-35 anni.

Ti sei mai chiesta/chiesto come si può presentare un capello con caratteristiche invecchiate? Un capello invecchiato potrebbe presentare diversi segni di deterioramento e involuzione della sua struttura. La prima sensazione è perdita di volume e corposità, diventa più sottile e più opaco rispetto a un capello giovane e sano. La sua struttura viene compromessa e con una maggiore fragilità aumenta la tendenza alla rottura e alle doppie punte.

Altra caratteristica è la perdita di elasticità e lucentezza, apparendo secco e crespo. Spesso i capelli invecchiati rischiano di perdere la naturale pigmentazione, assumendo un aspetto opaco grigiastro. Se negli ultimi 3 articoli abbiamo toccato altri 3 livelli di invecchiamento: anagrafico , biologico , biofisico, oggi approfondiamo l’invecchiamento biochimico, quello che maggiormente può interessare ogni fascia di età.

Può interessare ogni fascia di età perché tutti i processi biochimici si svolgono continuamente ed incessantemente nel nostro organismo e sono fondamentali per la vita, ma producono un
accumulo di scorie metaboliche che vengono eliminate attraverso l’intestino, i reni, la pelle e i polmoni. La maggior parte di queste sostanze di scarto sono acide e devono essere neutralizzate o eliminate. Quando il nostro corpo non sta lavorando al meglio, a causa di fattori come farmaci e medicinali, stile di vita acidificate con una cattiva alimentazione, con lo stress, con la vita sedentaria, in un ambiente sempre più inquinato e contaminato, si determina un accumulo di scorie acide che non vengono assorbite, trattenute e correttamente smaltite da quelli che vengono
definiti organi emuntori (fegatoreni -intestino-polmoni e pelle).

Pertanto assisteremo alla lunga a tutta una serie di problematiche (per lo più infiammatorie), legate ad una condizione chiamata acidosi metabolica. È questa acidosi metabolica responsabile
dell’invecchiamento biochimico del corpo. È un processo complesso che si verifica quando i tessuti del corpo diventano più acidi del normale, disturbando l’equilibrio del pH corporeo.
Questo squilibrio può avere un impatto significativo sulla chimica del nostro corpo, contribuendo all’invecchiamento precoce della pelle e dei capelli.

I cambiamenti nella biochimica del corpo possono influenzare direttamente la salute della pelle e dei capelli, nello specifico si ha l’alterazione della comunicazione tra le nostre cellule e dei processi
metabolici. Le cellule della pelle e dei follicoli piliferi dipendono da segnali precisi per funzionare correttamente e rigenerarsi in modo efficace.

Tuttavia, in un ambiente acido, questi segnali possono essere compromessi, rallentando il turnover cellulare e compromettendo la capacità della pelle e dei capelli di rigenerarsi in modo ottimale…
influenzando cosi la forza e la struttura dei capelli.

Spesso perché si tende a curare i disagi che procura piuttosto che concentrarsi sulle cause che lo determina, es:

  1. …meglio uno shampoo antiforfora che un controllo all’alimentazione per riordinare l’intestino?
  2. …meglio una pastiglia per il mal di testa o aumentare l’assunzione di acqua basica antiossidante?

Sono tante piccole abitudini che unite fanno accumulo di tossicità acide e non è solo il risultato di una dieta scorretta, come scritto sopra,  può essere anche causata da altri fattori, tra cui lo stile di vita e l’uso di determinati farmaci.

PERCHÉ È COSI SOTTOVALUTATO?

Ad esempio, l’eccessivo consumo di cibi ricchi di zuccheri raffinati, carne rossa, latticini e cibi processati possono contribuire, come l’uso prolungato di farmaci anti-infiammatori non steroidei
(FANS), corticosteroidi, ormoni, cortisone e alcuni diuretici alterano l’equilibrio acido-base nel corpo, contribuendo all’acidosi ed all’invecchiamento biochimico del nostro corpo.

I sintomi dell’acidosi che portano ad un cambiamento della nostra chimica corporea compaiono gradualmente nell’organismo, cosicché è difficile accorgersene.

È un po’ come la storia della rana che se viene messa dentro una pentola piena di acqua che sta bollendo schizza subito fuori per scampare il pericolo; se invece si mette la rana in una pentola
di acqua fredda e si accende il fuoco che innalzerà pian piano la temperatura, la rana non si accorgerà del progressivo riscaldamento dell’acqua e finirà per bollire insieme all’acqua.

Tutto questo a significare che la rana non si accorge del progressivo riscaldamento dell’acqua come noi non ci accorgiamo del progressivo peggioramento del nostro stato di benessere perché
ci abituiamo gradualmente ai sintomi come la rana al riscaldarsi dell’acqua.

Ma oltre al manifestarsi nei capelli puoi riconoscere i suoi segnali in altre situazioni come:

  • Stanchezza al mattino
  • Disturbi del sonno (con particolari risvegli tra l’una e le tre di notte)
  • Reflussi gastrici e bruciori e acidità di stomaco
  • Disturbi della digestione
  • Costipazione
  • Emicranie frequenti
  • Pelle grassa (soprattutto del viso) o eczemi
  • Sudorazione ai piedi e tendenza a sudare (sudori freddi)
  • Sensibilità e una minore resistenza al freddo
  • Dolori e crampi muscolari
  • Bronchite cronica con formazione di muco
  • Leucorrea (perdite vaginali)
  • Mancanza di energia
  • Disturbi dell’umore
  • Aritmia
  • Alitosi
  • Gotta
  • Artrosi
  • Diabete
  • Cellulite
  • Caduta di capelli
  • Eczemi
  • Reumatismi
  • Osteoporosi
  • Depressione
  • Ipertensione
  • Ictus
  • Infarto
  • Patologie degenerative
  • Obesità

Può essere semplice comprendere lo stato in cui si trova il nostro organismo, è necessario effettuare la misurazione del Ph delle urine in tre momenti della giornata: la seconda urina del mattino,
prima di pranzo, prima di cena.

Questo andrebbe fatto per un periodocontinuativo di 8 giorni. Per effettuare la misurazione si utilizzano delle apposite cartine che cambiano colore a seconda del Ph che, nei momenti suddetti,  dovrebbe posizionarsi tra i 7 e i 7,5. Se il valore del Phè inferiore a 7 per la maggior  parte delle rilevazioni effettuate, siamo in presenza di acidosi.

Dal 2013 il Metodo Relisír condivide questa conoscenza propone due 2 nuove abitudini per contrastare l’invecchiamento causato dall’eccesso di acidosi presente nella pelle.

Come cominciare: Per promuovere la salute e la vita nei follicoli è fondamentale sostituire le abitudini acidificanti e ossidanti che invecchiano cute e capelli con abitudini antiossidanti.

I migliori risultati si ottengono con piccoli ma costanti accorgimenti:

  • camminare almeno 20 minuti al giorno,
  • respirare bene e profondamente.
  • Mangiare frutta e verdura fresca di stagione, almeno 2 volte al giorno,
  • integrare con vitamine e sali minerali alcalini.
  • Bere almeno 1 litro e mezzo di acqua ECAIA naturale basica antiossidante, ricca di sali minerali alcalini lontano dai pasti.

Dal 2013 consigliamo di bere acqua ECAIA nelle giuste quantità perché si tratta di un’acqua pura e priva di contaminazioni, alcalina ricca di elettroni liberi e di ossigeno, un potente antiossidante
per combattere i radicali liberi, depurare l’organismo e favorire  l’eliminazione delle tossine acide prodotto del corpo.

Stiamo lasciando la primavera per entrare nella stagione estiva dove ossidazione e disidratazione sono grandi nemici della nostra bellezza, per proteggerla arriva la linea estiva Riequilibrante. Per promuovere nuova vita nei follicoli serve prendersi cura della pelle e proteggerla dalla disidratazione, dall’accumulo di tossicità e dalla formazione di radicali liberi.

Portare in salute la pelle ed i capelli con il sistema di igiene di Relisír è la soluzione più efficace: grazie al Ciclo di Relisír, con il suo Rituale e la Routine di Relisír diventano l’abitudine quotidiana per detergere, idratare, nutrire e proteggere pelle e capelli dalla secchezza, dallo sporco e dalla contaminazione di ogni giornata.

Ad ogni routine, la sicurezza di proteggere salute e bellezza perché gestisce in modo corretto le sostanze che non devono ristagnare nella pelle.

I sintomi dell’ invecchiamento e dell’involuzione della bellezza dei capelli compaiono gradualmente con piccoli segnali nella tua immagine, pertanto è difficile accorgersene…

esattamente come la storia della rana…la consapevolezza  la responsabilità di proteggere la tua bellezza è tutta nelle tue “attenzioni e abitudini”.


SCRITTRICE: ROBERTA TRIVELLONI

Ti è piaciuto il post? Condividi!