Un inverno dall’osteopata

Un inverno dall'osteopata

L’Osteopatia è una eccellente risorsa nella prevenzione e nella cura dei problemi di salute ricorrenti tipici della stagione invernale. L’obiettivo principale dell’Osteopatia è la ricerca attenta della salute all’interno dell’organismo della persona come preziosa risorsa per il benessere generale. Attraverso le tecniche che l’osteopata utilizza possiamo migliorare la mobilità articolare, l’elasticità muscolare e la circolazione, favorendo e permettendo al corpo di ritrovare il proprio stato ottimale di salute, per attingere alle forze auto guaritrici che normalmente un fisico sano possiede.

A differenza della medicina allopatica classica, che previene e cura agendo sugli aspetti evidenti della malattia e sui sintomi ad essa collegati, l’Osteopatia stimola e favorisce il ripristino della risorse fisiologiche della persona, il che costituisce i presupposti per uno stato di salute sano.

Nel periodo invernale il nostro organismo è estremamente sollecitato, soprattutto per la diffusione di virus e batteri e quindi il sistema  immunitario è particolarmente attivato.  Questo sistema ha numerose relazioni con altri apparati e organi tra cui l’apparato respiratorio, milza, sistema nervoso autonomo ed apparato digerente e la sua attivazione in risposta ad un evento esterno può provocare svariati sintomi. Un approccio di notevole impatto in queste situazioni è costituito dalla terapia craniale, che facilita il drenaggio dei seni frontoetmoidali e mascellari (la fronte e la zona mascellare, per essere più emplici) e che permette di mantenere pervie queste aree per evitare la stasi del muco. Associando il lavoro fasciale e articolare possiamo aiutare il corpo a restare in fisiologia, migliorare la circolazione sanguigna e linfatica per mantenerci più sani e forti. Con la stagione invernale anche i dolori fisici fanno capolino e spesso si risvegliano zone in cui traumi vecchi o l’usura hanno fatto accelerare i processi artrosici. La presenza più o meno importante dei fastidi articolari durante la stagione invernale è collegata anche ad altro. Certamente non aiutano le cattive abitudini presenti nella vita quotidiana: in inverno dovremmo sforzarci a dormire un po’ di più, andando a letto prima e dopo una corretta digestione; dovremmo idratarci tanto con acqua e tisane calde, evitando o riducendo l’uso di caffeina e alcool; dovremmo mantenere un’alimentazione corretta nonostante l’inverno ci spinga a mangiare cibi più calorici e zuccherini. Ci vuole un po’ di forza di volontà a cambiare un po’ abitudini, soprattutto in un’area geografica come la nostra, ma questo stile di vita aiuterebbe ad avere un corpo più sano e forte. Inoltre, è sempre utile praticare attività fisica, perché sottoporre il corpo al movimento aiuta ad espellere tossine e migliorare la circolazione che, come dicevamo prima, è un ottimo modo per aiutare anche il sistema immunitario a rispondere in modo attivo agli insulti esterni.

L’attività fisica aiuta anche il corpo a rinforzare la muscolatura e quindi a farci percepire meno freddo, aiuta nel rafforzare le ossa e a mantenere un buon tono del calcio. Aiuta a mantenere buoni livelli di vitamina D, anch’essa implicata nella comparsa di dolori diffusi, mantiene alto il tono dell’umore, dato che siamo tutti più emotivamente vulnerabili quando iniziano ad accorciarsi le giornate e a venire più freddo. Bastano 15 minuti al giorno di una blanda attività, anche domestica, per stare meglio. Esercizi come il plank, lo squat, qualche piegamento e altri esercizi semplici a corpo libero, possono aiutare a rinforzare e scaldare un po’ il corpo, soprattutto se fatto alla mattina. E non scordiamoci che anche camminare all’aria aperta, nonostante il freddo, aiuta il pensiero positivo.


Scrittrice: Gloria Curati

Ti è piaciuto il post? Condividi!